Il gusto dei piatti tipici, la cordialità dell’accoglienza, la familiarità della location. Nel solco d’un binomio inscindibile, tra i buoni sapori e il piacere della convivialità, il ristorante “Popilia” si propone d’esser una seconda casa per i suoi ospiti.

La genuinità delle pietanze è solo il punto di partenza d’un viaggio enogastronomico che sarebbe nulla se non lo si vivesse con la giusta compagnia, e la cortese e puntuale guida di chi, ormai da oltre dieci anni, ne ha tracciato l’itinerario.

Per espressa volontà dei suoi titolari, i fratelli Paolo e Fabio De Conte, il “Popilia” è la meta di buongustai con il sorriso, palati fini allegri, amanti di prodotti autentici che proprio per questo sanno diventare unici.


ORARI

I nostri orari di apertura:
Lunedì: Chiuso
Martedì: 19.30-00.00
Mercoledì: 19.30-00.00
Giovedì: 19.30-00.00
Venerdì: 19.30-00.00
Sabato: 19.30-00.00
Domenica: 12.30-16.30

CONTATTI

Per info e prenotazioni contatta:
Telefono: 089 880129
Fabio: 328 2884878
Paolo: 328 9580692

Servizi

Il Popilia vi offre:
Disponibilità per feste private
Menù di mare su prenotazione
Dolci artigianali di produzione propria
Banqueting
Wi-Fi gratuita
Ampio parcheggio
Parco giochi esterno per bimbi

Le nostre specialità

Nelle tre sale del ristorante, di cui una nei mesi estivi all’aperto, c’è solo da mettersi comodi e farsi condurre per mano nella scelta d’un menu tutto figlio di questa terra. Le nocciole di Giffoni, ma più in generale tutte le specialità dei monti Picentini, sono i padroni della tavola sin dall’antipasto, dipanato in una serie di portate da non farsi mancar nulla, dalla Bufala Doc alla parmigiana di melanzane. E poi i primi piatti: chi butti giù dalla torre, a dirne due soltanto, tra i celebri “Fusilli Popilia” e i “Ravioloni” al ragù? Tocca avere un po’ di coraggio, per decidere. Ché tanto basterà tornare per provare quel ch’è stato sacrificato nella scelta. Però preparandosi, intanto, a gustare i pregiati secondi di carne o di pesce, prima del gran finale offerto dal buffet di dolci. E per chi invece preferisce la “regina della tavola”, niente paura: da gennaio 2014 ecco un’ottima pizza rigorosamente cotta nel forno a legna, con un’incredibile vastità di proposta, che spazia dalla tradizione all’originalità.

Un po di storia

Quando maturammo la decisione di mettere su il nostro ristorante, ci prefiggemmo, in primis, di dargli un nome non banale, ma che fosse strettamente legato al territorio picentino che ci ospitava. Incuriositi dal fatto che gli anziani del posto chiamavano la via dove avremmo aperto il locale ‘a viar’à colonna ci mettemmo alla ricerca di notizie o pubblicazioni storiche che avrebbero potuto svelarci l’arcano.

Così venimmo a conoscenza che gli anziani amavano ancora chiamare la nostra via in quel modo perché, molto probabilmente, in tempi lontani, al termine della discesa doveva esserci una “columnia”, (termine latino) che stava ad indicare una stele che riportava la distanza di questa strada secondaria da quella principale, una famosa via romana, “la via Popilia” che passava poco lontano.
Avevamo trovato il nome da dare al nostro locale: Popilia la via dei buoni sapori.
Ci piace riportare alcune notizie sulla via Popilia, tratte dalla pubblicazione i Commentari che, certamente farà piacere leggere soprattutto a quanti abitano i picentini e che, come noi, non ne conoscevano l’esistenza:
«Di estrema importanza, soprattutto commerciale, questa strada da Capua arrivava a Nuceria (attuale Nocera), poi proseguiva per Rota (attuale Mercato San Severino), tornava indietro ed arrivava a Salerno (Fratte), quindi saliva per San Mango, passando per Filetta, e si immetteva nelle terre a nord di Campigliano. Da Campigliano proseguiva lungo il fiume e tramite il ponte saliva nella contrada di Ponte Mulinello. Da qui proseguiva per la frazione Malche e successivamente con un percorso rettilineo arrivava a Santa Maria a Vico. Passava davanti al Tempio per poi costeggiare una città greca, oggi necropoli ricca di reperti archeologici, situata tra il Tempio ed il Castel Rovere, tra la strada ed il fiume. Da qui, dopo aver costeggiato il castello, continuava la sua corsa sul territorio picentino passando per Ornito e Gauro. Arrivava a San Pietro di Montecorvino proseguiva verso Eboli e quindi per la Lucania, fino a Reggio Calabria.»

 

Locale climatizzato e ampi spazi

In un locale climatizzato, con area giochi per bambini e – se richiesto per feste private – ampi spazi per intrattenimento musicale, vi terrà compagnia un buon vino ma soprattutto la familiarità d’un ambiente in cui si riscoprono i sapori della propria terra, la ricchezza della semplicità, la grandezza delle piccole cose. “Popilia”, ai tempi dell’Antica Roma, era il nome della strada che dalla Città Eterna conduceva sino in Calabria, passando proprio da lì, in quell’angolo della provincia di Salerno all’ombra dei Picentini. Terra d’ospitalità, cultura e gusto. Tutt’insieme, ancora oggi, hanno il nome “Popilia”.


page2-img4

100% Qualità 100% Cortesia

Vieni a trovarci al Popilia e a degustare i suoi deliziosi piatti della tradizione. Un locale carico di storia, rinnovato nel corso degli anni, ma con una grande attenzione nel conservare il gusto e le atmosfere delle epoche passate.